Paolo Migone: Completamente spettinato
La parola mordace del toscanaccio di Zelig è protagonista di due appuntamenti (ore 18 e 21) fra risate e riflessioni

Un lavoro frutto di un lungo percorso artistico ed umano: Paolo Migone racconta, in chiave autobiografica e attraverso il filtro della sua comicità corrosiva, l’eterno gioco fra uomini e donne cardine imprescindibile del suo repertorio artistico.

Il comico ci porta per mano attraverso la sua vita alla ricerca di quelli che sono stati i momenti salienti della sua esistenza, alla scoperta di risposte che riemergono dal passato per spiegare il presente. Sul palco così si affollano vari personaggi, alcuni appartenenti alla vita personale dell’artista, altri provenienti dalla storia, il tutto presentato all’interno di una scenografia essenziale sulle tavole del palcoscenico.

Protagonista è la parola mordace, a volte irriverente nello stile di questo puro toscano, e la musica che accompagna e scandisce i tempi scenici e di narrazione creando forti suggestioni e picchi emotivi.

In “Completamente spettinato” alla risata spontanea si alternano momenti di riflessione sul teatro e sulla sua finzione, sulla vita e sulle esperienze che la segnano e la condizionano.
Paolo Migone
Cabarettista toscano, approda a Zelig dal 2000. Forte di un’esperienza teatrale di anni, camaleontico, dallo stile visionario, sul palco ha la capacità di raccontare, attraverso una gestualità essenziale, situazioni e immagini rievocandole con l’ausilio di uno stile di scrittura sobrio e di grande impatto. Attore, regista e autore teatrale e televisivo, Paolo Migone usa come filtro la sua comicità corrosiva, la sua inimitabile mordacità toscana che caratterizza uno stile inconfondibile. Il suo argomento preferito è l’eterno gioco fra uomini e donne che, pare, fornirgli spunti creativi inesauribili con un occhio sempre attento ai costumi contemporanei, alla realtà del suo tempo. Le sue verità, il suo punto di vista passano attraverso il clima surreale che Migone riesce magicamente a ricreare in ogni sua esibizione.

Mettetelo su un palcoscenico ed il palcoscenico diverrà una fucina di invenzioni senza sosta. Non ha confini nella sua fantasia, ci sorprende con continue deviazioni della narrazione, ci illumina con trovate verbali, ci folgora con lampi di improvvisazione, corre con l’umorismo come un torrente in piena percorre la valle, risaie, maremme, dirupi, prati fioriti e quando arriva al mare, il mare non sa più che pesci pigliare. Nel suo spettacolo c’è verismo, surrealismo, malinconismo, risatismo, è un labirinto intricato come la mente di Paolo Migone, nella quale ci si può infilare senza paura, perché in fondo si trova sempre l’uscita... o l’entrata di un nuovo labirinto.

+ Altre informazioni
Quando Domenica 27 ottobre / ore 18:00
Domenica 27 ottobre / ore 21:00
Apertura teatro e bar ore 17:00
Inizio spettacoli: ore 18:00 e 21:00

   
Dove Teatro Der Mast
Via Giosuè Carducci, 17/E - Brescia

+ indicazioni stradali
   
Biglietti Pomeridiano ore 18:00
Intero: 20,00 euro
Ridotto: 18,00 euro


Serale ore 21:00
Intero: 25,00 euro
Ridotto: 23,00 euro

   
Biglietti Aperitivo
Disponibile al bar del teatro
   
  PRENOTA
Contaminazioni
Contaminazioni
Eventi in programma
Tesseramento
Corsi di teatro
Cosa abbiamo fatto
Contatta l'associazione
Contaminazioni Associazione Culturale
© Contaminazioni 2018